In English, please!

Ed eccoci giunte al nostro contributo all’Abbecedario Culinario d’Italia: Q come Quartu Sant’Elena.

La divertente iniziativa della Trattoria MuVarA ci porta finalmente nella seconda isola più grande d’Italia, una terra un po’ selvatica, perché chi per secoli è stato vittima di predatori, conquistatori e scambi diplomatici fra regni, finisce inevitabilmente col guardare con diffidenza il prossimo. Ma chi ha la pazienza e la determinazione di scoprire cosa c’è oltre, troverà una terra e delle persone che sanno accogliere con calore e sono capaci di donare eterna amicizia.

In quanto sarde non avremmo dovuto (secondo il regolamento) scegliere la nostra regione per l’Abbecedario, ma in quanto sarde emigrate è stato deciso di fare un’eccezione. Ringraziamo quindi Aiuolik, perché quando si è lontani da casa, molte cose che prima si davano per scontate assumono un nuovo valore ed è un piacere riscoprirle, comprese le abitudini culinarie!

Se pianificate un viaggio in Sardegna, Quartu Sant’Elena non sarà probabilmente fra le vostre mete, magari vedrete i cartelli che ne indicano la direzione mentre andate verso le spiagge di Villasimius. Ma sappiate che Quartu Sant’Elena è la seconda cittadina della Sardegna in termini di abitanti e una delle Sisters ci ha vissuto per qualche anno!

NOTA: Se desiderate dare il vostro contributo alla lettera Q, postate la ricetta sul vostro blog dal 13 al 26 agosto con il logo dell’Abbecedario e il link a questo post, poi mettete il vostro link qui sotto nei commenti. Valgono anche ricette pubblicate in passato! Se non avete un blog, potete mandare la vostra ricetta con foto a Aiuolik (trattoriamuvara_at_gmail.com) e lei generosamente la pubblicherà lei per voi!

Per rappresentare la nostra isola abbiamo scelto uno dei suoi ingredienti forse più famosi: la fregola (freula, in sardo campidanese).

Parente del cous-cous come tipo di preparazione, la fregola è un prodotto a base di semola grossa e acqua, lavorati in modo da creare degli “agglomerati” di dimensioni variabili che vengono poi fatti essiccare in forno. La fregola artigianale si riconosce perché ha forma molto irregolare e i granelli sono di dimensioni molto diverse. Di conseguenza, la cottura è piuttosto difficile in quanto meno omogenea (ed è quella che abbiamo usato noi in questa ricetta). Esistono poi versioni più industriali in cui i granelli sono più regolari e selezionati in base alla loro dimensione, il che facilita notevolmente la cottura e permette di avere un risultato finale più “sgranato”. Nella foto qui sopra vedete tre tipi diversi di fregola. Se è troppo regolare, non fatevi fregare, vuol dire che è stata fatta con trafile, come per la pasta!

Tradizionalmente la fregola si prepara con le arselle (o vongole che dir si voglia) in una sorta di zuppa… MA noi abbiamo deciso di presentarla in maniera diversa. In primo luogo perché qui da noi si parla solo di cucina vegetariana/vegana, e poi perché la fregola è un ingrediente così versatile che la tentazione di fare una ricetta a modo nostro era semplicemente troppo forte. E quindi eccola in versione “fusion” con funghi giapponesi, zucca e salicornia.

 

ShijtakeAbbiamo usato un’accoppiata di funghi giapponesi molto noti e molto gustosi, i funghi shiitake (che abbiamo presentato in tante altre ricette qui sul nostro blog) e i funghi shimeji (in primo piano nella foto), per essere i precisi i buna-shimeji, cioè quelli marroni. Nella tradizione giapponese tutti e due i tipi vengono usati sia nelle zuppe, sia nelle preparazioni “saltate” e hanno la particolarità di essere molto carnosi e di mantenere bene la loro consistenza.

La salicornia invece è una novità anche per noi. Quest’anno l’abbiamo usata diverse volte nelle nostre cucine, ma non l’avevamo ancora presentata qui sul blog. Qui in UK la chiamano samphire, si raccoglie solo nei primi mesi estivi e cresce in prossimità del mare, ma non è un’alga. E’ una succulenta alofita, ovvero una pianta che tollera terreni salini. E’ ottima perché mantiente una consistenza piuttosto croccante, è salatina e profuma di mare. Insomma, una bella scoperta!

Beh, abbiamo cincischiato abbastanza… passiamo alla ricetta! Con gli ingredienti – lo confessiamo – siamo andate a occhio, ma all’incirca dovremmo esserci con queste dosi.

 

Fregula_fusion 1Ingredienti per 4 persone:

280 g fregola sarda
100 g zucca *
una decina di funghi shiitake
50 g di funghi shimeji
100 g salicornia
4 scalogni
2 spicchi d’aglio
1/2 bicchiere di vino bianco
sale & pepe
olio d’oliva

* essendo estate, qui si trova solo la butternut, ma chiaramente si può spaziare.

 

Preparazione degli ingredienti

- Pulite la zucca e tagliatela a dadini.

- Pulite i funghi con un panno umido, se necessario. Affettate i funghi shiitake e dividete in mazzetti i funghi shimeji.

- Lavate rapidamente la salicornia e lasciatela da parte dentro un colino in modo da far scolare l’acqua residua.

- Affettate lo scalogno a rondelle sottili e tritate l’aglio.

Cottura

Mettete a bollire una pentola d’acqua. Nel frattempo, in una padella larga in cui poi farete saltare il tutto, scaldate l’olio a fiamma media e fate appassire lo scalogno e l’aglio qualche minuto. Aggiungete i dadini di zucca e fate cuocere per 5 minuti o fino a che inizieranno ad essere un po’ teneri (dipende dal tipo di zucca che state usando). Aggiungere i funghi shiitake e dopo 1-2 minuti i funghi shimeji. Versate il vino, fate sfumare e portate a termine la cottura. Per ultimo aggiungete la salicornia, saltate tutto insieme  qualche minuto, regolate di sale (considerando che la salicornia è salata di suo) e chiudete con una macinata di pepe. Tenete da parte.

Fregula_fusion 2

Nel frattempo avrete salato l’acqua e messo a cuocere la fregola. Solitamente ha tempi di cottura abbastanza lunghi, quindi avete tutto il tempo di far cuocere il condimento. Ricordate di tenere da parte un bicchiere di acqua di cottura della fregola.

Quando sarà pronta, scolatela e versatela nella padella con i funghi e le verdure. Fate saltare tutto insieme a fiamma medio alta e se il tutto risulta troppo asciutto aggiungete dell’acqua di cottura.

Impiattate e… Bon appétit! :)

 

Post Scriptum: con i funghi e la salicornia avanzati, qualche giorno dopo l’abbiamo rifatta con peperoni rossi al posto della zucca e con una fregola più regolare, ottenendo un risultato più sgranato e gustosissimo! Sperimentate, gente!

Special thanks: Daniele Carotenuto Photography per il photo-editing!

In English, please!

Sardinian Fregola with Japanese Mushrooms and Samphire

Fregola (or Freula in Sardinian) will remind you of cous cous, and actually it is made in a very similar way (adding water to coarse semolina and rubbing it until you get small irregular lumps), but the grains are bigger, more irregular, and it is toasted in the oven at the end of the process. You can cook it as normal pasta (as in this case) or with the absorption method.

It is typically prepared as a sort of soup with clams, but we chose something different. Firstly because this is a blog about vegetarian/vegan cooking, and secondly because we think it is such a versatile ingredient that it is fun to explore new ways of serving it.

Ingredients for 4 people:

  • 280 g Sardinian Fregola
  • 100 g buttnernut squash
  • about 10 shiitake mushrooms
  • 50 g shimeji mushrooms
  • 100 g samphire
  • 4 scallions
  • 2 garlic cloves
  • 1/2 glass of dry white wine
  • salt & black pepper
  • olive oil

Preparation

- Peel the squash and cut it into small cubes.

- Clean the mushrooms with a damp cloth, if necessary. Slice the shiitake and divide the shimeji into small bunches.

- Wash the samphire with cold water and keep it in a colander.

- Thinly slice the scallions and chop the garlic.

Directions

Fill a pot with water and bring to boil. When it boils, add the salt and the fregola. It will take a while to cook (up to ten minutes), so you have enough time to prepare the other ingredients in the meantime. Remember to keep some of its water (about a glass).

In a deep frying pan (or a wok) heat the olive oil on medium heat, then add scallion and garlic and let cook for 1-2 minutes (doesn’t have to become brown). Add the squash and let it cook until it’s tender (about 5 minutes, but it depends on the type of squash you use). Add the shiitake first, let them cook a couple of minutes then add the shimeji. Add the wine and let it dry, stirring quickly. Add the samphire and stir fry for a couple of minutes. Add salt if necessary (remember that samphire is already quite salty) and grind some black pepper on top.

When the fregola is ready, drain it and add it to the mushrooms and vegetables. Stir and let cook all together for a few minutes (add some of the water you kept if it looks too dry).

Enjoy! :)

 

44 Responses to “Fregola sarda fusion per l’Abbecedario Culinario d’Italia”

  1. […] on August 24, 2012 by rmt Secondo appuntamento con Bribantilla e Satori  per la nostra passeggiatina in Sardegna, e questa volta mi sono dedicata alla ricerca di […]

  2. […] dei suoi ingredienti….. Con questo semplicissimo dolce della tradizione sarda, saluto Bribantilla e Satori   e le ringrazio per averci ospitato in questa splendida regione, senza dimenticare […]

  3. […] sono libera di muovermi di nuovo! Eccomi in Sardegna a Quartu Sant’Elena per salutare  Bribantilla e Satori , che ospitano la quattordicesima tappa dell’ Abbecedario in quest’isola stupenda! […]

  4. Sabina scrive:

    I seldom comment, but i did a few searching and wound up here Fregola sarda fusion per l

  5. Thanks for ones marvelous posting! I certainly enjoyed reading it, you’re a great
    author. I will ensure that I bookmark your blog and will come back in the
    future. I want to encourage that you continue your great
    job, have a nice morning!

    Feel free to surf to my web site; commercial cleaning California

  6. Aiuolik scrive:

    Eccola la Q in tutto il suo splendore: http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/08/q-come-quartu-santelena.html!

    Grazie dell’ospitalità e speriamo di incontrarvi ancora nelle prossime tappe…da oggi Roma!

    Ciaooooo
    Aiu’

  7. Bribantilla scrive:

    La Sardegna chiude i battenti, si riattraversa il mare…
    Grazie a tutti, ci sono stati dei contributi bellissimi e buonissimi, ma soprattutto mi riempie di orgoglio sapere che ci sono tante persona affezionate alla nostra cucina tanto quanto noi!
    Un abbraccio virtuale a tutti!!

  8. Kristina scrive:

    Ciao ecco la seconda ricetta!
    http://www.tutto-a-occhio.blogspot.it/2012/08/sempre-in-sardegna-malloreddus-alla.html
    son contenta di esser riuscita a farne due. A presto e grazie KRis

  9. [...] è un gustosissimo dessert fritto e mangiato caldo col miele o lo zucchero. Ringraziando le CookingSister per l’ospitalità e tutte le partecipanti per le loro ricette, ecco come preparare delle [...]

  10. cinzia scrive:

    Aggiungo un altro paio di ricettine che ci sono piaciute tanto:

    patate a schiscionera:
    http://cindystarblog.blogspot.fr/2012/08/patate-schiscionera-per-labbecedario.html

    is bombas:
    http://cindystarblog.blogspot.fr/2012/08/is-bombas-per-labbecedario-culinario.html

    un abbraccio caloroso a tutta l’isola!!!

  11. rosa maria scrive:

    Care le mie Cooking Sisters è stato un vero piacere passare qualche giorno da voi in questa splendida isola….vi saluto con questa ultima ricettina dolce dolce
    http://tor-te-e-din-tor-ni.blogspot.it/2012/08/arrescottu-cun-meli.html
    a presto
    Rosa Maria

  12. Kristina scrive:

    Ciao
    ecco la mia ricetta per la Sardegna,
    http://tutto-a-occhio.blogspot.it/2012/08/labbecedario-prende-il-traghetto-e.html
    entro domenica posterò la ricetta dei malloreddus e te la mando. Grazie per ospitare questa bellissima isola. Ciao Kris

  13. rosa maria scrive:

    Ragazze ecco la mia seconda ricettina:O)
    http://tor-te-e-din-tor-ni.blogspot.it/2012/08/calamari-ripieni.html
    ne è in arrivo una terza!!!!
    a presto
    Rosa Maria

  14. Aiuolik scrive:

    Come potevo finire? Con il mirto!!! http://muvara.blogspot.com.es/2012/08/abbecedario-culinario-ditalia-mirto-di.html.

    Ciaoooooo ora aspetto il resoconto per aggiornare la pagina della Q con tutti i contributi!

  15. cinzia scrive:

    già, sono al mare, vado e vengo, e tra una traversata e l’altra cucino sardo :-)
    come da tradizione, fregua e cocciua:

    http://cindystarblog.blogspot.fr/2012/08/fregua-e-cocciua-per-labbecedario.html

    che bontà! sarà da replicare presto anche agli amici! :-)

  16. [...] comunque a godervi almeno qualche giorno di vacanza in questa terra. Per prima cosa ringraziamo le CookingSister per l’ospitalità di questa tappa, e passiamo alla difficile scelta della ricetta. Difficile, ma [...]

  17. Aiuolik scrive:

    Eccola finalmente una ricetta perfetta per la Q di Quartu! http://muvara.blogspot.com.es/2012/08/abbecedario-culinario-ditalia-bianchini.html.

    Ciaoooo a domani con l’ultimo contributo della Trattoria!

  18. Sara scrive:

    Eccomi qui con la proposta per la regione Sardegna:

    http://leleganzadelpolpo.blogspot.it/2012/08/coda-di-rospo-allalgherese.html

    Ciao e grazie, Sara

  19. elena scrive:

    Salve, piacere di conoscervi, ecco la mia proposta per l’abbecedario …
    http://zibaldoneculinario.blogspot.it/2012/08/pasta-con-bottarga-e-tonno.html
    spero di riuscire a combinare ancora qualcosa… bacioni

  20. Aiuolik scrive:

    Anche se forse in questo blog un po’ stona, ecco un secondo di carne che a noi Trattori piace tanto: http://muvara.blogspot.com.es/2012/08/abbecedario-culinario-ditalia-panada-di.html.

    Dai domani passiamo al dolce!

  21. rosa maria scrive:

    Care le mie Cooking Sisters, come promesso ce l’ho fatta ad arrivare in Sardegna….ecco il mio primo picccolissimo contributo:) seguira’ qualche altra piccola cosetta per voi :)
    a presto
    Rosa Maria
    http://tor-te-e-din-tor-ni.blogspot.it/2012/08/tortino-di-piselli-e-pancetta.html

  22. Bribantilla scrive:

    Un altro nostro contributo: gli immancabili malloreddus!
    http://www.thecookingsisters.com/2012/08/20/malloreddus-cun-bagna/

  23. brii scrive:

    Ciao!
    Caldo, caldissimo e poi mi sono persa con le pesche, scusate. :-)
    Liquore di Mirto
    http://briggishome.wordpress.com/2012/08/19/liquore-di-mirto-di-claudia-nanino-it/
    baciussss

  24. cinzia scrive:

    Bellissima isola e toste le persone che la abitano!
    Inizio il mio contributo con una fantastica ricetta delle incredibili Sorelle Simili che così facilmente insegnano a fare il classico e buonissimo Pane Carasau:

    http://cindystarblog.blogspot.it/2010/10/pane-carasau-5th-worhttpwwwbloggercomim.html

  25. edith pilaff scrive:

    Hello,complimenti per il blog!
    Volevo proporre questa ricettina,http://edithpilaff.blogspot.it/2012/08/tumballa-de-arrosu.html
    A presto,
    Edith

  26. edith pilaff scrive:

    Hello,ci sono anch’io…http://edithpilaff.blogspot.it/2012/08/tumballa-de-arrosu.html.
    E complimenti per il blog!
    A presto.
    Edith

  27. rosa maria scrive:

    Ciao ragazze:) bellissimo post e magnifica regione! Mi sono persa la Lombardia :( ma non ce l’ho proprio fatta….stavolta spero di riuscire a spedirvi qualche ricettina. Ne ho già identificate un paio…..e nei prossimi giorni cerchero’ di pubblicarle. A presto
    Rosa Maria

  28. Paola scrive:

    mmmm le riceette della Sardegna… buonissime… la fregola l’avevo preparata anche io… lo scorso anno… semmai la ripubblico… ciao Paola

  29. Aiuolik scrive:

    Yes! Finalmente siamo arrivati in Sardegna e che piacere che siate voi a ospitarla! Speriamo che siano in tanti a partecipare…in Trattoria abbiamo previsto tanti contributi, tra cui anche una fregola “più classica” :-)

    Ciaoooooo!

Leave a Reply