A Cagliari i ravanelli sono banalmente presenti sui banchi del mercato per tutto l’inverno, splendidi nel loro perfetto contrasto tra verde e rosso, ma non li prendo mai perchè crudi non mi piacciono. Da poco però ho desiderato i ravanelli stufati con le alghe in salsa di kuzu (ricetta macrobiotica potentemente depurativa, ottima per il mio fegatino, che magari un giorno posterò) e quindi ne ho preso un bel mazzo. Veri ravanelli di Sestu, per di più. Per chi non lo sapesse Sestu è una cittadina poco distante da Cagliari, fiorente centro agricolo rinomato per la qualità dei suoi prodotti e dei suoi ravanelli, che sono oggetto di battutacce poco fini. :D Guardando il mazzo mi sono resa conto che gettar via le foglie sarebbe stato uno spreco… Faccio una veloce ricerca e mi imbatto nella ricetta di una Soupe de fanes de radis dell’ottima Sigrid, alias Il Cavoletto di Bruxelles. A nessuno venga in mente di fare confronti con le sue fotografie perché ovviamente non è il caso.

Comunque, potevo fare a meno di provare la ricetta? No di certo, anche perché già il titolo del post del Cavoletto è invitante: “Dei ravanelli non si butta via nulla…” In pieno trip dell’ingrediente povero mi accingo quindi a interpretare la ricetta, da cui elimino subito le patate: le patate nelle zuppe prendono un gusto acquoso, diventano troppo yin e non le sopporto. Modifico poi il procedimento per dare più energia alla zuppa, quindi ecco il perché del cipollotto stufato lentamente. Con 1 mazzo vengono due porzioni ridotte, per una zuppetta riscaldante da prendere come aperitivo-antipasto.

Le foglie di 1 mazzo di ravanelli freschissimi

1 cipollotto fresco

1 cucchiaio di olio di semi di sesamo

acqua o brodo vegetale leggero qb

sale

pepe bianco (opzionale)

Il procedimento è elementare: tagliate a fettine sottili il cipollotto (anche la parte verde tenera) e fatelo stufare a fiamma bassissima con l’olio e un cucchiaio di acqua. Quando sarà praticamente disfatto aggiungete le foglie di ravanello mondate dei gambi e lavate accuratamente. Coprite il tutto con il brodo vegetale, portate a bollore e lasciate sobbollire per 20 minuti. Aggiustate di sale e eventualmente spolverate con un poco di pepe bianco, mescolate con cura e riducete in crema con il frullatore a immersione. La zuppa risulterà di un verde giallastro, con un sapore deciso e sorprendente. Ottima con crostini di pane multicereale, ma anche da sola per predisporre lo stomaco alla digestione.

Leave a Reply

http://ezikiwi.com/tyr-1805/ 21 although imts occasionally show a weak storiform pattern and mild-to-moderate nuclear atypiathe strong pleomorphism characteristic of malignant fibrous histiocytoma is not seen in imts In 1995coffin et al http://kritopoulos.gr/uxn-9987/ In 1995coffin et al generic indian viagra Last updated: 13 dec 2006 go to url full results for pubmed articles and reviews at ncbi: 28 article and 7 review matches nbsp nbsp top symptomsdiagnosisand treatment this information is provided by genetics home reference viagra 20mg no prescription This report describes the acute and late toxicity encountered in g1 and 2 patients treated at dose level iii 79 Ajnr am j neuroradiol 200829:1878acirceuroldquo1879 http://playingpretend.com/vxs-2278/ The impact factor represents a rough estimation of the journal's impact factor and does not reflect the actual current impact factor This reference guide includes information on how each drug is given, how they work, and common side effects patients may experience Thereforein the united statesone has to make a personal appealbacked by doctors’ testimonialsin order for ivig to be covered on an experimental basis — and said coverage may be deniedor granted only on appealor only temporarily If a student misses a classhe can make it up the next time the series is offered acaluminium.com.au/pdn-7134/ For more information, please contact the following organizations: national cancer institute www generic viagra shipped uk Ajnr am j neuroradiol 200829:1878acirceuroldquo1879 does viagra have side effects women