Premessa: ieri ho riavuto finalmente il mio Kenwood! Siamo stati separati per oltre 7 mesi, ma grazie a una task force che ha unito parenti, amici e amici di amici (che non finirò mai di ringraziare) è finalmente giunto a Londra. Quindi, per festeggiare il suo ritorno, stamattina ho subito fatto il pane :)
Qui si trovano un mucchio di farine speciali, quindi avrò modo di sperimentare parecchio. Questo loaf l’ho fatto con una miscela pronta di farina bianca e semi vari (che a noi piacciono tanto) con un contenuto proteico di 11,8 g. Dovendo fare da zero la miscela, proverei con metà farina 0 (o manitoba) e metà 00. E’ stato il mio primo esperimento di pagnottona senza macchina del pane e sapete che vi dico? Che funziona un sacco bene, pertanto (per ora) niente macchina del pane sostitutiva! Si vede dalla foto quanto è buono? :)

Ecco le dosi:

  • 500 g di farina
  • 300 ml di acqua tiepida
  • 18 g di lievito fresco
  • 1 cucchiaino e mezzo di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero integrale di canna
  • 5 g di burro (molto optional)

- Scaldare il forno a 100°. Spegnere appena arriva a temperatura.
- Mettere tutti gli ingredienti secchi nel cestello dell’impastatrice e mescolare.
- Sciogliere il lievito in metà dell’acqua e aggiungerla alla farina. Gradualmente aggiungere il resto dell’acqua (in questo modo la doserete meglio e eviterete di avere un impasto troppo liquido) e impastare per 5-6 minuti.
- Versare l’impasto su una spianatoia e lavorarlo un po’ a mano. Fare un giro di pieghe, formare un salsicciotto lungo che poi metterete in uno stampo da plum cake da circa 900 g (circa 23×13 cm).
- Mettere il pane a lievitare dentro il forno caldo (tenendolo un po’ aperto all’inizio, se è troppo caldo, altrimenti si secca troppo il pane). Lasciar riposare circa 30 minuti, o fino al raddoppio dell’impasto.
- Togliere la pagnotta dal forno e portarlo a 230°. Spennellare la superficie del pane con un po’ di acqua e spolverare con altri semi (io avevo solo sesamo). Quando il forno è a temperatura, infornare e far cuocere per circa 30 minuti (dipende anche dai gusti, se vi piace più e meno cotto).
- Sfornare e mettere a sfreddare su una gratella.

Il mio è venuto forse un po’ troppo cotto fuori, ma tutto sommato ci stava bene perché faceva molto effetto “pane tradizionale” :)
Quello che mi ha colpito è stata la velocità dell’operazione. Nel giro di un’ora e 1/4 il pane era pronto, con la macchina del pane meno di 3 ore non è pensabile… Lo rifarò e farò l’esperimento con 50% di farina integrale. Tutto questo in attesa di avere una pasta madre “funzionante”.

P.S. Quanto mi mancava il profumo del pane in casa… :)

9 Responses to “Una pagnottona veloce veloce…”

  1. [...] e modifico una ricetta per fare il pane in cassetta da The Cooking Sisters partendo dal presupposto che il lievito di birra “lavora” bene tra i 18 e i 30 [...]

  2. Milla scrive:

    Se le sistaz accolgono richieste mi piazzo qui sotto la pagnottona per chiedere una cosa a tema: focaccia!
    Che come Brì forse ricorda l’ultima volta che ci ho provato (e parlo di oltre 2 anni fa!) è uscita una barzelletta di cosa :/
    Vorrei riprovare…

  3. Satori scrive:

    Pensavo di provare a farlo con la pasta madre… tipo 180 g di pasta madre per 1/2 kg di farina con semini (che ho in dispensa). Però non posso impastare, quindi potrei usare la macchina del pane per impastare. Suggerimenti?

    • Bribantilla scrive:

      Sì, sicuramente la macchina del pane va bene per impastare. Con la pasta madre sicuramente i tempi di lievitazione sono più lunghi, ma questo già lo sai. Potresti provare a fare un pagnottone da cuocere sulla pietra refrattaria, anzichè metterlo nello stampo da cake… e magari infarinarlo in superficie, per renderlo più rustico ;)

  4. Marta scrive:

    ah quell’odore… ♥

  5. Bribantilla scrive:

    Assolutamente non lo dimentico!! Figuriamoci :)
    Quanto al lievito secco, sì, direi circa la metà. Puoi metterne anche un po’ meno e aumentare i tempi di lievitazione.

  6. Satori scrive:

    Comunque nella task force non si deve dimenticare il cugino Efisio, elemento fondamentale!

  7. Satori scrive:

    Lievito secco circa la metà, che dici?

Leave a Reply